Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto trovato
Ricerca blog
Ultimi commenti
Non ci sono ancora commenti

Come pulire una maschera CPAP?

Pubblicato3 mesi fa 661

Come pulire una maschera CPAP?

Una maschera pulita oltre che a durare più a lungo, ti fornirà una migliore tenuta dandoti sempre un’esperienza terapeutica fresca e confortevole.

Con questo articolo vogliamo guidarti su come pulire la tua maschera CPAP facilmente e senza compromettere i materiali di cui è composta.



Perché pulire la maschera CPAP?

Oltre all'ingiallimento dei materiali con la conseguente usura precoce, una maschera con sedimenti come sporcizia e impurità della pelle potrebbe perdere l’efficienza di tenuta creando perdite nel circuito, rischiando così di vanificare tutta la terapia.

E’ consigliabile quindi procedere ad una pulizia regolare per tutte le parti a stretto contatto con naso e bocca (cuscinetto, telaio e giunto), mentre possiamo prolungare il periodo di manutenzione per le parti meno interessate (headgear e mentoniera, se presente).

 

Quali prodotti utilizzare?

In commercio esistono prodotti appositamente realizzati per prendersi cura della propria maschera CPAP:

salviette-cpap

Salviette igienizzanti

Le salviette igienizzanti sono la soluzione più comoda e pratica per pulire la maschera quotidianamente: rimuovono velocemente lo sporco, senza bisogno di acqua, rinfrescandola e lasciando un buon odore. Tra i tanti vantaggi che offrono, sono di fatto l’unica soluzione per pulire senza danneggiare i cuscinetti in schiuma, tanto comodi quanto delicati. Attenzione a non usare delle salviette qualsiasi: alcune contengono componenti chimici che potrebbero danneggiare la maschera.
In commercio esistono quelle specifiche, senza alcool e solventi, per la pulizia delle maschere CPAP e di tutti gli altri componenti come tubi, dispositivi e consumabili.
La confezione da 60 salviette la puoi trovare a questo link: salviette igienizzanti

 

 

 

sanificazione-maschere-cpap


Dispositivi di sanificazione

Sono dei veri e propri macchinari che disinfettano e sanificano la maschera e gli accessori, utilizzando l’ozono per eliminare batteri, muffe, agenti patogeni e cattivi odori. L’ozono è infatti un potente gas naturale con spiccate proprietà battericide, utilizzato in moltissimi settori per la sanificazione.

Questi dispositivi, più che per l’utilizzatore privato, sono consigliati per le strutture mediche quando la maschera è utilizzata da più pazienti, quindi per ragioni di igiene necessitano una sterilizzazione accurata e approfondita.

 

 

 

pulire-cpap-con-acqua


Acqua e sapone neutro

Se la maschera o il cuscinetto sono in gel o silicone, è possibile lavare la propria maschera semplicemente con acqua tiepida e sapone neutro, strofinando delicatamente le parti da pulire.

 



Come pulire la maschera CPAP in 4 semplici passi

 come-pulire-maschera-cpap

1- Iniziamo con lo smontare i componenti della maschera, aiutandoci con le istruzioni presenti all'interno della confezione. Se utilizzi una maschera ad olivette nasali, dovresti smontarle dal telaio.

2- Utilizzando l’acqua a circa 30°C e il sapone neutro, laviamo i componenti della maschera precedentemente smontati strofinandoli delicatamente. Durante il lavaggio prestiamo attenzione alla pulizia del cuscinetto, in quanto i sedimenti lasciati dalla cute, se non rimossi completamente, potrebbero compromettere la corretta tenuta.


3- Per pulire al meglio le parti più complesse della maschera come il gomito e giunto, possiamo utilizzare uno spazzolino da denti con setole morbide

4- Asciughiamo delicatamente i componenti aiutandoci con un panno in microfibra, dopodiché lasciamoli ad arieggiare, in modo che anche i residui di umidità spariscano. Evitiamo di esporre i componenti alla luce diretta del sole e a fonti di calore che potrebbero rovinarli.

 

 

Lavaggio o sostituzione? Ecco come riconoscere quando i componenti devono essere sostituiti

Un lavaggio, anche se effettuato regolarmente e in modo approfondito, non sempre può bastare per riportare come nuova una maschera CPAP.
Durante la pulizia si ha modo di controllare in modo accurato i vari componenti, prestiamo quindi attenzione se:

  • Il materiale ha perso elasticità
  • Il gel o il silicone si è ingiallito
  • La schiuma del cuscinetto, se presente, sia perfettamente integra e ancora comprimibile
  • Le parti in plastica presentino crepe 

Per non compromettere l’efficacia della terapia, ai nostri pazienti/clienti raccomandiamo una sostituzione periodica dei componenti.
Consulta il nostro catalogo oppure chiedici direttamente: siamo online tramite chat ⇘ e al numero verde: 800598364!

 







Lascia un commento
Rispondi alla recensione
Effettua il login per postare una recensione.

Menu

Impostazioni

Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto trovato