Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto trovato

Covid-19 e durata degli anticorpi: Dopo quanto ci si può riammalare?

2482

Le informazioni sull'immunità che il Covid-19 lascerebbe dopo esserne stati contagiati sono ancora, a distanza di mesi, molto poche.
Dalla convinzione iniziale secondo cui sarebbe stato impossibile riammalarsi dopo aver contratto per la prima volta l'infezione, si è passati a credere che sia possibile prendere il Covid-19 anche diverse volte.
Uno studio dell'Imperial Colllege di Londra parla proprio degli anticorpi e dimostra la loro inefficacia a lungo termine.

 

Covid: lo studio sulla durata degli anticorpi dopo la malattia

 

Lo studio REACT, organizzato dall'Imperial College di Londra, ha dimostrato la risposta anticorpale diminuisce nel tempo e che di conseguenza è possibile contrarre l'infezione anche una seconda volta. L'autore dello studio, il professor Paul Elliott, ha sottolineato che, pur avendo riscontrato questa riduzione, non è chiaro quanto duri questa immunità né se gli anticorpi siano in grado di conferirla.
La ricerca è stata svolta su oltre 365.000 persone in Inghilterra, attraverso un test di ricerca anticorpale con la puntura sul dito.
Tra il 20 giugno e il 28 settembre, periodo dello studio, gli anticorpi delle persone esaminate si sono ridotti del 26,50%. Helen Warb, dell'Imperial College di Londra, ha specificato che sebbene sia evidente che la risposta anticorpale si riduca nel tempo, non è ancora chiaro se dunque i pazienti possano essere esposti ad una nuova reinfezione.

 

Gli anticorpi diminuiscono di più negli over 75


Nello studio, la diminuzione degli anticorpi è stata registrata in tutte le fasce della popolazione e in tutte le fasce di età, con alcune eccezioni. Infatti la tendenza al ribasso è stata maggiore nei pazienti con un'età pari o superiore ai 75 anni.
Se la diminuzione degli anticorpi significasse una maggiore probabilità di riammalarsi, la fascia più a rischio per gravi conseguenze di salute sarebbe anche la più esposta.
Per gli operatori sanitari, invece, il numero di anticorpi è calato con maggiore lentezza. Questo potrebbe voler dire che tali persone sono state esposte al Covid-19 con una frequenza superiore rispetto agli altri.
Inoltre, le persone che avevano già contratto la malattia ma in modo asintomatico, sviluppano meno anticorpi e di conseguenza la possibilità di contagiarsi nuovamente è alta. Questo studio quindi getta numerose ombre non soltanto sulla risposta anticorpale, ma anche sul vaccino, che per essere ottimale dovrebbe dimostrarsi più immunogeno del virus stesso.

Lascia un commento
Rispondi alla recensione

Menu

Impostazioni

Clicca per altri prodotti.
Nessun prodotto trovato